Marineo - Convento S. Maria della Dayna (OFM Conv.)

Nel 1600 il convento e la chiesa vennero fabbricati nel sito che attualmente occupano.

La chiesa eretta dai frati minori conventuali riformati nacque nella povertą e per tale motivo ha un’architettura semplice ma dignitosa e riposante. Non risente per nulla degli influssi barocchi.

La pianta č rettangolare apertra, con tre cappellette originariemente non comunicanti, che danno dignitą e forma a tutta l’architettura.

Nella chiesa si conservano delle opere di rilevante valore storico ed artistico: il gruppo della Pietą di mastro Pace da Prizzi (1570), scultura in legno recentemente restaurata, che inizialmente diede il nome alla chiesa stessa “S. Maria della Pietą”; la "tempera" su tavola di autore ignoto del XV sec. della Madonna della Dayna, proveniente dal distrutto monastero dello Scanzano, la statua lignea di San Vito dipinta nel XV sec. e di recente restaurata.

Inoltre sono custodite numerose opere settecentesche con lavori del Pollace e dei Bagnasco.

Nel 1951 fu sede del seminario minore e negli anni 1979-80 e 1989-94 del Noviziato della Provincia. Fin dal primo insediamento si č sempre venerata una immagine della Madonna detta della “Dayna”.

60° Anniversario del ritorno dei frati a Marineo